Come migliorare la Homepage grazie alla UX!

C’era una volta a Milano, un webmaster che viveva immerso nelle tenebre della sua angusta stanzetta, circondato da pc e consolle di ogni generazione (tutte quelle che ti vengono in mente) , da brandelli di pizza e cumuli di lattine di RedBull, mezze piene e mezze vuote, in qualche angolo c’era pure il suo cane che per sopravvivere ai ritmi del suo padrone usciva  da solo la notte (e quanto si divertiva solo lui lo sapeva);

ma torniamo al protagonista, il webmaster era talmente insicuro di se stesso che ogni sera recitava:

Webmaster: Specchio, specchio delle mie brame, qual è la più bella Homepage del web-reame?

Specchio: la più bella Homepage del web-reame è quella che ha tutte le caratteristiche della migliore UX. Lo sai, quali sono le caratteristiche della migliore homepage che segue i principi della UX?

Chiese lo specchio, incuriosito dalla risposta che il webmaster avrebbe dato;

Il webmaster rimase sorpreso, mai nessuno gli aveva chiesto una consulenza di quel tipo;

La UX? Che roba è? Ma che volete da me?

Lui faceva i siti web, come al solito e come tutti gli altri, pensava che in fondo tutti i siti sono uguali, no?

Eh? Tu che leggi, so cosa stai pensando!

No, non è colpa tua, se ancora non sai i principi della User eXperience, in realtà questa disciplina è abbastanza recente almeno in Italia, e sono sicura che ne hai già sentito parlare, ma vedrai ti piacerà!

 

MA cos’è la UX?

La UX (User eXperience) è un’affascinante materia che parla di come rendere il più piacevole possibile l’esperienza utente, che è al centro di ogni progetto (nel nostro caso di UX nel Web Design).

Materia che ogni web designer dovrebbe assolutamente studiare per rendere i propri progetti web vincenti, e visto che passione (del web design)  fa rima con visione, avere la visione di come creare progetti efficaci dal punto di vista dell’utente finale trasforma un web designer da normale a straordinario.

In Google Trends la UX, negli ultimi anni è in continua crescita, come puoi vedere dallo screenshot e non solo in Italia ma in tutto il mondo:

trends della UX in Italia
Esistono statistiche che dimostrano che l’86 % dei navigatori sarebbe disposto a pagare di più per vivere esperienze positive negli e-commerce;

Il 78% dei consumatori non conclude una transazione o non acquista a causa di una esperienza scadente (fonte: https://www.sprinklr.com/the-way/big-list-customer-experience-statistics/ )

 

Noi sappiamo che c’è tanta strada ancora da percorrere in questo campo, troppo spesso comprare online è un’impresa e non è alla portata di tutti. Un cliente insoddisfatto è da evitare perchè sicuramente racconterà ad altri la sua esperienza negativa.

Per farti un esempio banale, ci sono persone che nemmeno si ricordano la loro password di Facebook e che non sono in grado di recuperarla, oppure ancora un altro esempio: ci sono persone non vedenti (e non sai quante), quindi quando progettiamo app o siti web ricordiamoci anche di queste persone.
Questo pensare con cognizione all’utente finale ci aiuterà sicuramente ad essere più risoluti sull’obiettivo.

Quando navighiamo stiamo facendo un’esperienza digitale, ed anche se il nostro corpo non partecipa fisicamente, la nostra mente sì.

Nella realtà è semplice orientarsi, possiamo usare tutti i nostri sensi, nel mondo digitale è molto più difficile orientarsi, il linguaggio è tra uomo e macchina, quindi le comunicazioni sono predefinite, non direttamente controllabili da noi, e premeditate da chi ha realizzato l’applicazione, ecco perchè ogni progetto deve essere studiato a prova di bambino, deve prevedere tutti i punti che ci si aspetta possibili ed eseguiti gli utenti, compresi quelli imprevisti.

Ma torniamo alla nostra Home, perchè oggi è di questa che ti voglio parlare. La Home deve essere, se vogliamo usare una metafora, un viaggio ben organizzato!
Vuoi sapere anche tu come realizzarla? Seguimi!

 

La UX applicata alla Home !

Prova ad immaginare in questo momento di metterti in viaggio, col tuo web-mouse; in fondo navigare è simile a viaggiare, sei d’accordo?

In viaggio, quando si arriva in un luogo dove non siamo mai stati, la prima cosa che facciamo è guardarci intorno per capire cosa c’è, dove andare, che fare, quali saranno i punti di riferimento, i nomi delle vie, etc, etc.

Come in un viaggio, nelle Home dei siti che visitiamo ci affidiamo alle cose che vediamo subito. Se il sito è ben organizzato, secondo alcune regole precise ma flessibili, il nostro viaggio sarà molto più piacevole, al contrario se il sito è disordinato o confusionario ci verrà voglia di cambiare orizzonti.

Per darti un’idea di quello che dico ecco un sito confusionario, credo che sia stato nominato (a ragione) come il sito più disordinato e brutto del mondo; se ti va di farti un’idea eccoti il link:

http://www.angelfire.com/super/badwebs/

Uno dei siti più brutti del mondo

Ed ancora un altro da cui non dovrai mai prendere spunto; (credo che non ci sia bisogno di ribadire): link: http://allsolutionsnetwork.com/10/1000/

il sito più brutto del mondo

I due esempi sopra sono quello che non dovrai mai fare, chiaramente sono esasperati ma da essi possiamo imparare subito che non è intasando la pagina di informazioni che il nostro utente farà una bella esperienza, anzi.

Ecco perchè se nella nostra Homepage c’è il giusto mix di informazioni, correttamente disposte, ci troviamo subito a nostro agio e rileviamo una percentuale più alta di conversioni.

Se il messaggio è chiaro fin da subito, è come arrivare in un luogo mai visitato ma credere di averci vissuto.

A me per esempio è capitato di visitare Parigi, ed appena arrivata, ho preso la metrò, che è talmente semplice da capire e da usare anche se non conosci il francese che mi sembrava di esserci sempre stata.

Bando ai ricordi; Eh… ne avrei da raccontarti…ok ok basta!

 

Ecco alcune regole base della HOME-UX PERFETTA:

  • Il logo in alto a sinistra, accompagnato da un piccola descrizione.

Vorresti mettere il logo da un’altra parte? Lascia che ti racconti una storiella.

Mi ricorderò sempre quando al Liceo di Belle Arti e Grafica abbiamo progettato la copertina di una rivista e relativo logo per un compito in classe.
Spinta dalla mia fantasia posizionai il logo al centro della copertina, mescolato ad altre grafiche. Finalmente posso creare qualcosa di diverso dal solito, pensai.

Soddisfatta del mio lavoro, scoprii a breve che il Prof non la pensava allo stesso modo.

Presi un bel 3.

Avevo inconsapevolmente infranto tutte le regole della buona progettazione grafica, non pensando al fatto che le riviste in edicola sono ammucchiate una sotto l’altra e spesso della copertina si intravede solo una piccola fetta (in alto), in cui devono vedersi logo e slogan.

Triste ma segnata, da quella lezione in poi capii molto bene che i progetti grafici non si studiano solo per stupire o per innovare, e non è tutta una questione di sola estetica, ma soprattutto di funzionalità.

  • Il Menu, dopo il logo, è il componente più importante del sito. Deve aiutare l’utente a navigare i contenuti del sito, quindi deve essere facile da navigare e da interpretare. Organizza i contenuti secondo il tuo buon senso. Non devi mai assolutamente complicare la vita all’utente con titoli che non rispecchiano bene i contenuti linkati, potrebbe non trovarli mai e decidere di andarsene. E deve essere il link per eccellenza che riporta alla Home.
  • In qualunque pagina ti trovi, ma soprattutto nella Home, devono essere sempre presenti e ben visibili i Contatti. Può sembrare scontato, ma se trascuri questo punto potresti infastidire parecchio gli utenti che li stanno cercando. Ci sono siti dove è letteralmente impossibile trovare il contatto giusto, o capire se quelli che trovi sono veramente quelli che stai cercando. Li odio da morire.
  • Il campo Cerca è fondamentale se hai un sito che supera le 50 pagine, è veramente molto utile, chissà perchè è sottovalutato, e proprio da chi lo usa più spesso!
  • Le Regole sui pagamenti e sulla privacy devono anch’esse essere sempre visibili, e le puoi mettere nel footer; Ispirano fiducia e garanzia, soprattutto in Italia dove le persone per natura non si fidano, figuriamoci in un sito che non hanno mai consultato!
  • Le immagini devono essere di qualità, suggestive, professionali, e l-e-g-g-e-r-e, per non sovraccaricare il sito, è utile caricarle solo nel momento in cui debbono essere visualizzate e non all’apertura delle pagina;

 

Ecco, queste sono le regole base per avere una buona Home;

Ma vuoi davvero sapere come migliorare la tua Home in modo straordinario?

Devi smettere di pensare in modo ordinario, cioè come fai di solito;
Comincia a pensare alle tue creazioni come a qualcosa che dovrà diventare straordinario;

Cura il design grafico e le funzionalità in modo m-a-n-i-a-c-a-l-e.

Innanzitutto fai un’analisi dei competitor; non è detto che tu debba inventare cose nuove, devi cercare di aggiungere accorgimenti utili per l’utente finale, come per esempio una guida all’acquisto, o una chat; o una migliore esposizione dei prodotti, nei supermercati per esempio mettono i prodotti che vogliono vendere di più ad altezza degli occhi; oppure se vendi un prodotto che per funzionare è collegato ad altri prodotti, suggeriscine i collegamenti;

Infine è d’obbligo fare dei test, su un gruppo di persone in target, mi spiego meglio:

Una buona metodologia è creare un gruppo chiuso su FB (tutto gratuito), ed ai quali fare testare la piattaforma prima della pubblicazione effettiva, domandandogli cosa gradirebbero dall’app/sito web e cosa si potrebbe migliorare, più punti di vista raccogli e più la tua progettazione potrà diventerà efficace, semplice, e di piacevole uso.

Se questi argomenti ti sembrano scontati, mi fa piacere, significa che stai già usando la UX senza saperlo, se invece ti è stato utile questo post, condividilo su Fb, a te costa poco, ma io sarei strafelice.

Se sei interessato a diventare un vero m-o-s-t-r-o dell’eCommerce iscriviti all’E-Commerce Academy !

Io stessa sono un’allieva di questo gruppo, nell’E-Academy ho conosciuto persone di talento che credono in una progettazione migliore e consapevole, persone che desiderano fare la differenza in un panorama di siti e programmatori tutti uguali;

Per noi ogni eCommerce è diverso perchè diversi sono i prodotti che vendono.

Ti aspetto di là!
Vieni? Clicca qui!